2

imageA novembre ti iscrivi ad un trail invernale sperando che la stagione facendo il suo corso ti proponga un bel freddo e ammanti con un po' di neve il percorso. Passa il tempo e l'inverno non si fa vedere, sole in abbondanza e temperature autunnali. Finché ad una settimana dall'evento sembra che le cose possano cambiare, ma è solo una veloce nevicata, quasi caduta per sbaglio e di li a poco il sole è nuovamente padrone del cielo. Per il giorno della gara è previsto tempo bello stabile e temperature in ulteriore aumento. Io il freddo lo soffro come tanti, forse anche più di altri, eppure lo adoro e quando l'inverno non è quello che dovrebbe essere mi deprimo notevolmente. Tanto da farmi passare la voglia di fare cose che magari da tanto aspettavo. Sono stato molto vicino dal non andare a correre ma sotto sotto sapevo che mi sarei comunque divertito e dovevo inoltre onorare quel pettorale n. 1 ottenuto non certo per la prestazione dell'anno precedente ma per essermi iscritto per primo proprio perché smanioso di inverno e freddo. E non mi sono pentito. Nonostante la temperatura assurda per essere il 4 Gennaio abbiamo incontrato molti lunghi tratti innevati e ghiacciati che hanno almeno in parte regalato le sensazioni tanto agognate. Nella prima metà gara una grandiosa cavalcata su una infinita serie di lunghe creste battute dal vento con panorami mozzafiato ha regalato piacere in abbondanza e la seconda parte con la new entry del sentiero degli alpini è stata altrettanto spettacolare. Un profonda e strettissima gola scavata nei millenni dal torrente lungo il quale è stata costruita una passerella sospesa di cemento e ponticelli in legno che portano davanti ad una cascata, in parte ghiacciata, da superare passandoci quasi sotto attraverso una grotta e poi proseguire ancora sul sentiero sospeso fino a raggiungere l'innevato pianoro del rifugio Paradiso. E poi ci sono le famose salite di questa gara. Non sono salite normali, sono muri da fare piegati in due con le ginocchia in bocca! Le discese sono degne compagne ma in perfetto stile trail se pur impegnative non presentano difficoltà tecniche degne di nota. Organizzazione perfetta come sempre con abbondanza di ristori e balisaggio impeccabile anche se qualcuno distratto magari dal paesaggio che sbaglia qualche bivio non manca mai!Insomma inverno moscio o no questa è una garona che non delude mai.

21 esimo in 6:48:50

Alberzek

2 commenti
  1. Il Poggio 7 gennaio 2015 22:04  

    Bella Zek, hai iniziato l'anno con una bella gara e una buona prestazione.

  2. MARCO 12 gennaio 2015 20:37  

    sei avanti!