20

CIASPOLATE

Pubblicato il 26.1.09

CIP IN VIGEZZ


La stagione delle ciaspolate è entrata nel vivo è in questo periodo si susseguono le proposte delle località alpine che le organizzano.

La Runners Valbossa ha uno zoccolo duro di atleti che frequentano questo tipo di manifestazioni e DOMENICA 1° FEBBRAIO non mancherà di inviarne alcuni a Santa Maria Maggiore dove avrà luogo la "OFFICIAL EDITION" della CIP in Vigezz.

Venerdì sera in sede si raccoglieranno le adesioni e si organizzarà la trasferta.

Chi fosse interessato ci mandi una mail o si faccia vedere in sede.

Abbiamo tra l'altro un paio di ciaspole da competizione "nuove" da vendere.


Cip in vigez F+R

20 commenti
  1. gilda 26 gennaio 2009 19:37  

    la cip in vigezz è in val Vigezzo a S. Maria Maggiore, non a Macugnaga (che è in valle Anzasca)!

  2. davide 26 gennaio 2009 22:24  

    Inoltre è domenica 1 febbraio no marzo... e sì che ieri non ho visto vin brulè al Vallone... o sono arrivato tardi e qualcuno se l'è scolato tutto e ha dato libero sfogo agli errori?!?!?!
    Dai scherzo, volevo solo farmi sentire un po' più... FIURASH
    Ciao e a domenica per una giornata ONLY SNOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOW!!!

  3. Runners Valbossa 26 gennaio 2009 23:53  

    Ragazzi perdonatemi ma è stata una giornata pazzesca.

    il pilo

  4. Scheggia97 27 gennaio 2009 09:21  

    le gare con le ciaspole non mi hanno mai attirato, ma la Val Vigezzo si, eccome, ci penso.
    Le ciaspole sono affascinanti per il lato esplorativo e la foto che avete pubblicato è bellissima !!!
    Saluti a tutti

  5. basoli 27 gennaio 2009 10:08  

    Ma onestamente queste ciaspole... hanno rotto i maroni!
    Sono amante dell'inverno e della neve ma quest'anno non vedo l'ora che arrivi tanto caldo e che sta neve si sciolga definitivamente.
    Only asphalt a tutti.

  6. TATANKA 27 gennaio 2009 10:46  

    Sto Basoli mi sembra piuttosto limitato e monotono.
    Una vita in grigio!!
    Peccato per lui.

    TTK

  7. scheggia97 27 gennaio 2009 11:35  

    Bisogna prendere il lato bello di ogni cosa. Neanche l' asfalto mi piace, anzi di solito lo evito. Vedere uno come Basoli convinto delle sue scelte è bello e prima o poi vorrei capire anch'io, correndo con lui, il lato bello dell' asfalto. Grigio, bianco, terra o erba, basta esser entusiasti di quello che si fà. Muoio dalla voglia di correre, aiuto !!!

  8. basoli 27 gennaio 2009 11:51  

    Beh, caro il mio TATANKA, dipende dai punti di vista: il grigio-bianco lo vede chi va sulla neve e non sicuramente chi corre fra prati, boschi e strade di campagna.
    Quando prepari una maratona di un certo livello, praticare la corsa con le ciaspole è un po un rischio perchè tendini, muscoli, ossa ecc... ne risentono.
    E siccome non manca molto alla mia maratona, certe cose è meglio evitarle.
    Guarda che una ciaspolata l'ho fatta anch'io (la prima edizione del Devero) e, nonostante avessi un principio di polmonite l'ho finita ugualmente e mi è pure piaciuta.
    Purtroppo non hai idea di ciò che ho fatto e visto in soli 13 anni di gare e allenamenti.
    Sarò pure limitato e monotono ma prima di criticare, ti consiglio di fare un po più di strada! (in tutti i sensi).
    Ciao Andrea Basoli.

  9. kiaretta 27 gennaio 2009 15:36  

    dai zii!!! l'importante è correre, sarò fortunata ma io trovo divertimento ovunque corro, in cima ad una montagna o in pista a sumi.. poter correre è bellissimo e te ne accorgi ancora di più quando non lo puoi fare! tante buone corse andre e tatanke...ovunque running

  10. TATANKA IL GRANDE 27 gennaio 2009 16:43  

    Sono 25 anni che corro, ED HO CORSO DEVE TU NON TE LO PUOI NEANCHE IMMAGINARE.
    Inoltre sei tu che dici only asphalt e se non sbaglio l'asphalt è grigio-nero.
    E sempre tu ti lamenti (queste ciaspole... hanno rotto i maroni!),non gli altri ben contenti di correre sulla neve, nel fango, nei prati ecc.
    Comunque viva la varietà, abbasso la monotonia del grigio topo.

    TTK

  11. basoli 27 gennaio 2009 18:01  

    Saranno anche 25 anni che corri ma caro tatanka tu c'eri:
    1) a correre una maratona in riva all'oceano pacifico mentre il sole sorgeva e i primi raggi illuminavano lo splendido scenario della baia california?
    2) alla Valcuvia extreme al passaggio sul monte nudo sotto una pioggia battente e una nebbia che non ti faceva vedere dove mettevi i piedi?
    3) alla maratona di Carpi durante il passaggio a Modena nell'accademia militare con tutti i cadetti sull'atttenti al tuo passaggio?
    4) alla Traslaval fra salite e discese da mozzafiato a combattere con i tuoi avversari per la classifica finale?
    5) Alla mezza di Basilea, unico italiano con tanto di divisa della nazionale, a correre su di un percorso asfaltato interamente immerso nella foresta e fra tedeschi spettatori che ti chiedavano il cinque a mano aperta?
    6) Alla Grifonissima di Perugia dove una volta giunto al traguardo posto all'interno dello stadio dell'omonima città c'erano gli spalti gremiti di gente ad applaudirti?
    7) Alla salita del Pradeccolo, alla salita del Mondonico, alla salita dei sette termini, alla salita di S.Martino, S.Antonio e S.Michele, alla salita del martinello, alla salita del Campo dei Fiori in ogni condizione atmosferica?
    8) Alla salita del Neggia a -11°C e con due metri di neve ai lati della strada che ti accompagnavano fino alla vetta.
    9) Al giro del Campo dei Fiori sul sentiero 10 in inverno e in estate?
    10) All'IVV di 42 km di Olgiate Comasco, su percorso all'80% asfaltato, fatto sotto una pioggia da paura?
    11) Al giro Luino-Colmegna-Agra-Due Cossani sotto una fitta e candida neve?
    12) Alla maratona di Roma dove il solo passaggio alla Fontana di Trevi è sufficiente per farti passare la stanchezza dei chilometri sulle gambe?
    14) Alla gara della Bricolla in Svizzera corsa in uno splendido scenario fra boschi, prati e vigneti?
    15) Alla Sardegna a tappe dove la vista e il profumo del mare ti invoglia a dare il massimo?
    16) Alla Bormio-Stelvio quando tagli il traguardo a 2700 mt e ti commuovi non solo per il panorama meraviglio ma anche per essere riuscito con le tue gambe ad arrivare fino a lì.
    17) Sul podio quando sei premiato e ad applaudirti non ci sono solo gli amici ma anche i tuoi avversari?
    E potrei continuare all'infinito nonostante siano solo 13 snni che corro!
    Guarda che non ho niente contro le ciaspole e la neve e, anzi, sono il primo a percorrere strade alternative appena posso rigenerarmi dall'abbuffata di asflato.
    Forse non hai ben compreso che il mio intervento sulle ciaspole voleva solo essere una sorta di presa in giro per il fatto che ultimamente sul nostro sito si propongono solo trasferte sulla neve.
    Ognuno ovviamente è libero di fare e proporre ciò che vuole come, ovviamente, sei libero di pensare che sia un podista grigio.
    Peccato però che gli amici che mi conoscono hanno un'opinione completamente contraria alla tua.
    Un'ultima cosa: vorrei sottolineare che quando scrivo firmo con tanto di Nome e Cognome e mi piacerebbe che lo facessi anche tu Tatanka.
    Ciao ANDREA BASOLI

  12. TATANKA L'IMMENSO 27 gennaio 2009 19:13  

    Permalosetto sto basoli andrea.
    Più umiltà non ti guasterebbe, dopo tutto il palmares non mi sembra eccezionale.
    Il mio nome non ti direbbe molto, tanto non mi conosci, dirti cosa ho fatto io, in giro per il mondo, non cambierebbe la tua vita.
    Sei sicuro dell’opinione che hanno i tuoi amici?
    Manuel Uribe Garza detto el Tatanka

  13. Runners Valbossa 27 gennaio 2009 19:31  

    Sono il responsabile del sito nonchè moderatore dei commenti.
    Visto che il battibecco tra "primedonne" potrebbe degenerare, invito tutti alla pacatezza e vi informo che cestinerò d'ufficio i commenti troppo "provocatori".
    Andrea, don't worry be happy!

    Claudio Pilotti, il pilo

  14. Il Poggio 27 gennaio 2009 22:38  

    Certo che non ho parole, prendersela per una frase mi sembra eccessivo. Chi conosce il Basoli sa benissimo il tono spesso scanzonato dei suoi commenti. Onestamente da amante sfegatato della montagna un commento di questo tipo fatto da Basoli mi fa solo ridere e lui lo sa benissimo. E mi fa incazzare che anche se è only asphalt quando viene tra i monti va lo stesso come una bestia!!! Ti propongo di venire non con le cispole ma con le pinne e magari anche la mascera e il boccaglio così vediamo :-)) Un saluto a tutti quanti e ci vediamo alle gare su qualunque fondo siano.
    Il Poggio

  15. "Lo zio" Gabry 27 gennaio 2009 23:02  

    Sono un amico dello zio BASOLI...Caro Tatanka, ti garantisco che è un grande, e non intendeva offendere proprio nessuno.
    Lo slogan "Only asphalt" l'ho tirato fuori io,(amante dell'asfalto, e non me ne vergogno!!) qualche tempo fa, per cazzeggiare con gli amanti della neve e della montagna del nostro gruppo, ma così.. per scherzare e non prendersi sempre troppo sul serio. Poi, spesso si va e si corre tutti insieme, dai trail, alle cispolate, alla mezza maratona "Buguggiate casello di Gallarate"...quindi..only asphalt! ma anche only snow, only ciasp, etc

  16. fff 27 gennaio 2009 23:16  

    vabbè tra i due litiganti chi ha retta?
    kiaretta, grande filosofia la tua, quella che dovrebbe essere aapplicata in casi del genere.
    Tanto per erudire:
    Manuel Uribe Garza (da wikipedia) è l'uomo più grasso del mondo con i suoi 550 kg e tatanka significa bisonte nella lingua dei nativi americani.

  17. fiurash 28 gennaio 2009 00:14  

    Mi sembra doveroso un mio intervento visto che forse sono quello che ha provocato Andrea con la giornata only snow; era la continuazione di uno scherzoso battibecco iniziato in un altro forum e proseguito a Cittiglio, non voleva certo essere una critica nei confronti di uno dei migliori interpreti del podismo in provincia di Varese e non solo.
    E' solo il quinto anno che corro ma ho già visto tante prodezze di Andrea su vari terreni di gara.
    Al pari di Scheggia e Kiaretta amo correre e basta; e anche se preferisco stare in mezzo alla natura, la corsa che mi ha emozionato di più è only asphalt e non una semplice 10k o mezza ma l'esordio nella maratona a Venezia.
    So che Andrea sta preparando una maratona che tiene segreta e conoscendolo penso di aver capito quale ma non la rivelo; io invece ho rifiutato la trasferta a Roma con degli amici perchè non sarei riuscito a prepararla bene senza portarmi dietro conseguenze fisiche e ho scelto di correre le ciaspolate come allenamento diverso, divertente e utile dopo qualche cross come potenziamento.
    Spiacente per te caro Tatanka ma secondo me ha ragione Andrea a dire che i suoi amici non la pensano come te.
    Buon proseguimento di corsa a tutti e state sereni
    Davide

  18. basoli 28 gennaio 2009 09:29  

    Cosa dire per chiudere il discorso?
    Semplicemente un grazie agli amici che sono intervenuti a ribaltare l'opinione di chi, senza ombra di dubbio, ha uno scarsissimo senso dell'umorismo e che, visto l'approssimarsi del carnevale, potrebbe anche riscoprire.
    Comunque se tatanka si fosse firmato Giovanni Pascoli, oppure Ugo Foscolo, oppure Francesco Totti oppure ancora Pinco Pallino sarebbe stato più credibile.
    Provate andare a cercare su Google!
    Voglio concludere rivolgendomi proprio a te "tatanka l'immenso"; io contro di te non ho proprio niente anzi, rispetto le tue idee e ciò che dici di aver visto o fatto nel mondo però se dobbiamo parlare di umiltà forse definirti "immenso" mi lascia piuttosto perplesso.
    Bene ti auguro una buona giornata e...a non più risentirci.
    Andrea Basoli

  19. Il Poggio 28 gennaio 2009 14:07  

    Evvai, fine di un'altro capitolo della serie "polenta e polemiche".
    Viva il nostro sito vivo più che mai.

  20. scheggia97 28 gennaio 2009 16:09  

    Ho perso il filo, non ho tempo da leggere. W la neve, W l'asfalto, W la corsa